I migliori siti per informarsi sulla salute sessuale

Secondo un indagine del Ministero della Salute,  per 9 ragazzi su 10 l’informazione passa dal web. E tu sai quali sono i migliori siti per informarsi sulla salute sessuale?

Noi ragazzi parliamo poco di sesso e salute sessuale con i nostri genitori. A scuola, poi, ne parliamo meno che mai! Per informarci, preferiamo di gran lunga il web. Lo conferma anche un’indagine del Ministero della salute secondo la quale 9 ragazzi su 10 usano solo “Doctor Internet” per informarsi su questi temi. Anche se sono convinti che dovrebbe essere la scuola a dare le giuste informazioni.

Scegliere i migliori siti per informarsi sulla salute sessuale è fondamentale, perché su questo tema le conoscenze di noi giovani lasciano ancora a desiderare.

Secondo l’indagine, tantissimi giovani ignorano che malattie come epatite, sifilide, gonorrea, papilloma virus e clamidia si trasmettono attraverso i rapporti sessuali. Anche sui metodi contraccettivi in grado di proteggere dalle malattie  sessualmente trasmesse ci sono troppi vuoti informativi: circa il 20% dei giovani ritiene che per proteggersi basti utilizzare pillola, cerotto, anello vaginale o dispositivi ormonali sottocutanei.

La disinformazione regna sovrana anche quando ci si addentra su temi che riguardano la fertilità e salute riproduttiva.

L’età giusta per diventare genitori viene percepita tra i 26 e i 30 anni, ma sui tempi della fertilità maschile e femminile non c’è una corretta conoscenza. In particolare, la conoscenza è scarsa per quanto riguarda la fertilità̀ maschile: quasi il 40% degli studenti che pensa che non si riduca mai e il 9% non sa cosa rispondere.

I metodi contraccettivi più conosciuti sono il preservativo (99%) e la pillola (96%).

Rispetto a un’indagine fatta dall’Istituto Superiore di Sanità nel 2010, rimane stabile la percentuale di chi non usa alcun metodo (10%), mentre aumenta l’utilizzo del preservativo (più del 70% al primo rapporto e negli ultimi 3 mesi) ma anche quello del coito interrotto (circa il 25%) e del calcolo dei giorni fertili (11%).

Inoltre, mentre il 75% delle studentesse ha fatto una visita ginecologica, solo 1 studente su 4 è stato dall’andrologo.

In famiglia e a scuola se ne parla troppo poco.

La famiglia è un luogo in cui difficilmente si affrontano argomenti come metodi contraccettivi o malattie sessualmente trasmissibili. Appena 1 adolescente su 5 affronta con la famiglia in maniera approfondita queste tematiche. Anche a scuola se ne parla poco, anche se, secondo la maggior parte dei giovani, dovrebbe essere proprio questa istituzione a garantire l’informazione sui temi della sessualità̀ e della riproduzione.

Quali sono dunque i migliori siti per informarsi sulla salute sessuale?

Oltre al nostro Mettiche.it, sito promosso dalla Società Medica Italiana per la Contraccezione, costantemente aggiornato e sottoposto a un’attenta revisione scientifica, sono siti utili e molto attendibili:

www.sigo.it– Sito della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia

www.sicontraccezione.it– Sito della Società Italiana della Contraccezione

www.salute.gov.it– Sito del Ministero della Salute

Fonte: Quotidiano Sanità

Redazione Mettiche

Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2019

Voto Medio Utenti (4.5/5)